Verificare

Oggi chiudiamo il percorso per il raggiungimento di un successo sostenibile parlando di flessibilità.

Hai desiderato un risultato, lo hai visualizzato, lo hai pianificato, hai identificato i tuoi limiti, ti sei potenziato, hai visto come decide ed agire ma ancora non puoi avere la sicurezza di ottenere i risultati, abbiamo detto che la cosa fondamentale in realtà non è l’ottenimento del risultato in se ma il cambiamento che ci impone la strada che abbiamo disegnato per raggiungere i nostri obiettivi.

L’ultimo passo che ti manca è imparare a verificare le azioni che fai come parte di un processo di miglioramento per l’ottenimento di qualcosa per te importante, devi crearti il tuo cruscotto.

Non è pensabile controllare ogni singola azione che facciamo, la nostra attività diventerebbe quella del controllore, dobbiamo avere un cruscotto con le spie che ci avvisano per tempo di un’avaria o di qualcosa che non funziona. Quando guidiamo un’auto non stiamo li a verificare che lo scoppio nei pistoni sia pulito, la quantità d’olio negli ingranaggi o la pressione delle gomme, certo in F1 lo fanno e conoscono la situazione di ogni più piccolo elemento dell’auto ma c’è un gruppo di persone che si occupa di monitorare ogni secondo per fornire al pilota un cruscotto, più complesso certamente di quello delle nostre auto, con gli elementi essenziali di monitoraggio.

Devi imparare adesso a definire quelle che sono le lucine necessarie, gli indicatori che è opportuno che si accendono nel momento in cui sei fuori rotta, il consiglio è quello di  concentrarti più sulla produttività che non sulle attività. Il piano d’azione è fondamentale, conoscere la sequenza di azioni da seguire ti evita i rischi di perdere troppo tempo, avere un piano d’azione sicuramente ti aiuta ad arrivare prima la tua alla tua metà ma non devi mai perdere di vista cosa vuoi ottenere. Pensia non tanto in termini di cose da fare o orari di lavoro quanto in termini di risultati da conseguire perchè magari quello che desideri è molto più vicino di quello che avevi progettato. Quello che voglio fornirti è il cruscotto dei grandi coach, le 5 strategie che mettono in atto le persone che riescono a raggiungere i loro sogni.

  1. Fissati sulle soluzioni, sulle cose che contano, sulle cose importanti. Le persone rischiano di non ottenere ciò che vogliono per la paura di fallire, di soffrire, di continuare a fare qualcosa di sbagliato che non li porta a nessun risultato ed essere giudicati; non voglio più soffrire per cui non voglio più provarci. Una volta che hai in mente la tua destinazione, la tua direzione devi avere l’energia, la voglia, il coraggio e la fede di alzarti ogni volta che inciampi, avere la convinzione che ce la farai perché comunque una soluzione c’è e se non c’è la puoi creare. Il più grosso killer che abbiamo è la paura di fallire bisogna saper gestire il fallimento e il  primo passo è imparare a focalizzarsi sulle soluzioni: I problemi sono qui per sviluppare la nostra personalità, il nostro carattere, i nostri muscoli, se non vuoi problemi devi andare al cimitero lì non ci sono più problemi, se siamo vivi e perché dobbiamo risolvere dei problemi piccoli o grandi in funzione della capacità ,il nostro ruolo nella società è dato in base alla nostra capacità di risolvere problemi, tanto più sono complessi tanto più cresce il nostro ruolo. Dobbiamo imparare a fare ciò che le altre persone non sono disposte a fare sapendo che è necessario farlo per arrivare là dove voglio arrivare. Per cui impara a riconoscere i problemi come dell’opportunità.
  2. Sviluppa abitudini positive. I nostri comportamenti sono guidati dalle abitudini che abbiamo, siamo oggi quello che facevamo fino ad ieri e saremo domani quello che stiamo facendo oggi. Il cambiamento è difficile proprio perché noi siamo abituati a fare ciò che facciamo. Le nostre abitudini ci servono per prendere decisioni più rapidamente per svolgere la nostra vita con automatismi altrimenti impazziremmo anche per prendere delle decisioni elementari. Devi comprendere se le abitudini che hai adesso ti aiutano a raggiungere ciò che vuoi o piuttosto ti stanno rallentando spostandoti dalla tua direzione. Fai questo esercizio, scrivi su un foglio un elenco di tutte quelle abitudini che hai che non ti stanno avvicinando al tuo obiettivo. Se tu volessi avere una salute fisica migliore essere più energico e vitale e poi tutte le volte che ti svegli ti accendessi una sigaretta magari questa abitudine non sarebbe così in linea con quello che il tuo desiderio. Scrivi qualunque abitudine che in questo momento della tua vita ti sta impedendo di raggiungere ciò che per te è più importante. Ora hai un elenco di abitudini non funzionali o “cattive abitudini”, quello che devi fare non è cancellarle perché è veramente difficile togliere un’abitudine dalla nostra routine quotidiana perché è un automatismo, quello che devi fare è sostituirla con un’altra abitudine ovverosia devi dare al tuo cervello un’altra cosa da fare in sostituzione di quella che vuoi cancellare. Se hai come cattiva abitudine quella di accenderti una sigaretta ogni volta che sei nervoso o preoccupato non puoi pensare che togliendo la sigaretta tu possa risolvere qualcosa, anzi peggioreresti il tuo nervosismo ed amplificheresti il tuo bisogno di fumare attivando un pericolosissimo circolo vizioso. Devi cambiare quell’abitudine con un’altra, ad esempio potresti, ogni volta che sei nervoso, alzarti in piedi e fare 10 respiri profondi. Prendi  l’elenco con le abitudini negative e inizia a mettere le abitudini positive con cui le sostituirai, per il momento scrivile soltanto, inizia ad allenare la tua mente alle nuove abitudini positive. Non pretendere di sostituire le tutte quante le abitudini negative insieme altrimenti avrete un rifiuto fai un cambiamento per volta, quando avrai già digerito il primo vai avanti in modo progressivo, non cambierai la tua vita in un giorno! Non cominciare a correre 10 km al giorno se non sei allenato e non cominciare a leggere due libri se non hai mai letto, non cominciare una dieta da 2000 calorie se ne stai assumendo 5000 e soprattutto non cominciare tutte e tre queste cose insieme, lo stesso giorno. Inizia a camminare e quando sarà diventata un’abitudine inizia anche a leggere e quando anche la lettura sarà un’abitudine allora comincia la dieta non è la fretta che ti porta rapidamente a destinazione ma la costanza, fare nei giusti tempi tutti i cambiamenti che ci portano dei risultati sostenibili. Per sapere da dove partire, quali sono le abitudini che per prime devi inserire nella tua vita prova a farti queste domande;
    1. cosa potresti fare che non stai facendo che potrebbe migliorare enormemente la tua carriera la tua professione?
    2. cosa potresti fare che non stai facendo che se facessi tutti i giorni migliorerebbe enormemente la tua relazione sentimentale?
    3. cosa potresti fare tutti i giorni che non stai facendo che migliorerebbe la tua salute fisica e mentale? Se hai risposto a queste tre domande ora hai quelle che sono le prime tre abitudini da dover acquisire, prova a fare un piccolo esperimento, scrivile su un foglio di carta e attaccale sulla porta di casa e sullo specchio del bagno in modo tale che tu possa leggerle almeno 4 volte al giorno per i prossimi 28 giorni. Non fare null’altro non sforzarti di cambiare devi soltanto leggerle tutto i giorni almeno 4 volte al giorno per 28 giorni. Passato questo periodo farai una scoperta che ti lascerà a bocca aperta.
  3. Fai subito le cose importanti, le cose più utili per progredire. Se non fai subito le cose importanti per te qualcuno ti riempirà la vita delle sue cose importanti. Ogni giorno devi capire quali sono le tre priorità per riempire la tua giornata la tua vita prima che altri la riempiano con le loro priorità. Fissare gli obiettivi è fondamentale ma è ancor più importante fissare all’interno dei tuoi obiettivi dei risultati intermedi che ti servano da pietre miliari per capire se sei sulla rotta giusta. Per fare questo impara a focalizzarti sulle cose da fare subito, ad inizio mattina, cerca nella prima parte della mattinata di fare le 3 cose più importanti per i tuoi progetti, fai in modo di non essere disturbato, cerca di isolarti affinché tu possa aver prodotto le 3 cose più importanti che ti portano nelle direzione che vuoi raggiungere. Poi ti rimarrà tutto il tempo e la serenità per aiutare gli altri, per essere a disposizione, ascoltare, essere empatici. con lo stato d’animo sereno che potrai avere soltanto quando avrai gestito le tue priorità e avrai la serenità, l’equilibrio, la pazienza e la tolleranza per aiutare con grande energia le persone che ti sono attorno.
  4. Sii grato per ciò che hai, per ciò che hai già conquistato sino ad oggi. Molto spesso dimentichi che tutto quello che oggi dai per scontato un giorno era soltanto un sogno, un’ambizione, un desiderio che poi è diventato realtà. Fai questo esercizio, prendi un foglio e scrivi l’elenco delle cose di cui tu sei grato, le cose fisiche e materiali; le persone persone che ti amano e le persone che tu ami, presenti e scomparse,  persone che lo sanno ma anche persone che non lo sanno; un elenco di tutto ciò che hai fatto, hai conquistato, hai raggiunto nella tua vita; di tutte le cose che hai imparato ed insegnato. Fai un album delle fotografie della gratitudine. Questo esercizio ti farà scoprire che la tua vita è già straordinaria adesso. Se hai fatto l’esercizio adesso sono sicuro che ti senti una persona migliore più serena più felice più capace perché hai la consapevolezza di quello che hai conquistato nella tua vita. Prendi l’abitudine di scrivere ogni giorno su un post-it, a fine giornata, l’elenco delle cose belle che ti sono accadute, anche le più semplici come aver fatto sorridere qualcuno, perché una giornata felice è quella che finisce con un bilancio in positivo essere stato capace di avere riso di più di quanto ho pianto, avrei gioito più di quanto ho sofferto, aver amato e aver avuto il privilegio la possibilità di fare ciò che mi piace. Se avrai scritto un post.it al giorno con almeno tre momenti per cui ringraziare avrai una scorciatoia per tutti quei momenti in cui sarai in crisi, quando vedrai tutto nero, ti basterà svuotare il cassetto dove li hai lasciati sul tappeto del salotto e scoprirai quanto la vita è migliore di quello che vedi in quel momento.
  5. Dedicati un ora a settimana per stare da solo in silenzio, per ringraziare di quello che già hai nella vita, per visualizzare ed immaginare tutto quello che vuoi ottenere, per porti le giuste domande. Come posso essere ancora più sano ed avere maggiori energie? Come posso migliorare enormemente la mia relazione sentimentale? Come posso raggiungere ciò che voglio professionalmente? Non ti chiedere come mai ti accadono certe cose, non darti le risposte lascia che il tuo cervello nel silenzio te le faccia arrivare.

Spero che questo percorso ti sia stato utile, certamente non ha la pretesa di farti ottenere i risultati che potrebbe offrirti un percorso con un coach professionista, ma se avrai la costanza e la pazienza di mettere in pratica tutti i consigli di questi sette articoli la tua vita ne avrà sicuramente dei benefici. Se la tua lettura invece è semplice curiosità mi spiace per te.

Qualunque sia il tuo approccio ho comunque una assoluta certezza, hai trovato in questi articoli tutte le conferme ai tuoi dubbi e alle tue certezze, in fin dei conti come giustamente diceva Henry Ford

Che tu sia convinto di farcela o di non farcela avrai comunque ragione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *